baroni-350Abbiamo approntato un catalogo di libri, giornali, foto e documenti della controcultura italiana. Li abbiamo disposti in ordine cronologico, e nel succedersi di titoli e immagini per quanto frammentari, è emersa una storia con le sue ragioni, le aspirazioni, le conquiste, gli errori. Ancora la carta stampata, che diffonde e conserva i pensieri: raramente di buona qualità, la carta, fragile e destinata a non durare come le parole di rabbia, d’amore e di rivolta che veicolava. La chiamiamo controcultura perché non ha le certezze, né i carismi estetici e morali della cultura. La chiamiamo controcultura perché, nell’essere contro, la cultura comincia a cambiare in meglio la vita, e lo fa con la bellezza delle parole, dei colori, dei gesti liberati dalle convenienze. Banalità e invenzione si mescolano nella scrittura collettiva. Scriversi addosso trasmettersi addosso perché per farlo è necessario essere vicini.
Il carattere nero su bianco delle prime pagine di Potere Operaio è più forte della teoria; nelle immagini ironiche  e colorate di Re Nudo prendono forma i desideri repressi a destra e a sinistra, A/traverso e Alice (la radio) sconvolgono il linguaggio politico e non; certi indiani, cani sciolti, artisti di strada, semplici anonimi si proclamano assenti essendo altrove. Libri giornali volantini che conservano violenza e memoria, sorrisi e uccisi, cortei, bassifondi, piazze, grida, silenzi. Non è letteratura è molto di più.

Trovate il il catalogo a questo indirizzo:
www.arengario.it/homepage/_hp-pdf/catalogo-controcultura.pdf

L’introduzione al catalogo è il secondo manifesto del MIP:

mip-002-cultura-controcultu

Una serie di link a video e musica della controcultura dal 1968 al 1977

Radio Alice:

Immagini del ’68 e ’69 accompagnatate da Colpo di stato di Stefano Rosso:

Rino Gaetano, I miei sogni d’anarchia:

– Gianfranco Manfredi, L’ultimo Mohicano:

Gianfranco Manfredi, Ma chi ha detto che non c’è:

– Antonello Venditti, Nata sotto il segno dei pesci:

– Centro d’Urlo Metropolitano (Gaznevada), Mamma dammi la benza:

This Post Has 2 Comments

Lascia un commento