MARIEN Marcel
(Anversa 1920 - Bruxelles 1993)
Théorie de la révolution mondiale immédiate
Luogo: Paris
Editore: Les Lèvres Nues
Stampatore: senza indicazione dello stampatore
Anno: 1958 [settembre/ottobre]
Legatura: brossura
Dimensioni: 21,8x14 cm.
Pagine: pp. 111 (1)
Descrizione: copertina con titoli in nero su fondo rosso. Testo pubblicato contemporaneamente nel giornale «Les Lèvres Nues». Tiratura non indicata, ma certamente icostituita da un numero ridotto di esemplari. Prima edizione.
Bibliografia: N. D.
Prezzo: € 300ORDINA / ORDER
Nel 1958 Marcel Mariën, poeta, situazionista e fondatore del giornale surrealista «Les Lèvres Nues», elabora un programma per il rovesciamento del capitalismo a livello internazionale, da realizzarsi entro un anno, possibile ovunque e in qualunque momento a condizione che ci siano trecento uomini pronti a tutto. Tuttavia, lontano da ogni retorica guerrigliera, Mariën non nasconde come questo progetto sia destinato al fallimento. Il senso della proposta è solo quello di mantenere viva l'idea di una rivoluzione possibile, e già questo potrebbe influenzare il corso della storia. Introducendo l'assurdo nell'elaborazione teorica, Mariën non fa che rispondere all'assunto che caratterizza l'era atomica: "c'est tout le réel, d'un coup, qui sombre dans la fiction" [tutto è talmente reale che sembra finto].