POTERE OPERAIO
(Roma 1969 - Marghera, Venezia 1973)
Potere Operaio - Anno III n. 45. Democrazia è il fucile in spalla agli operai
Luogo: Milano
Editore: Edizioni Sapere
Stampatore: Poligrafico G. Colombi - Pero, Milano
Anno: 1971 (dicembre) [ma 30 novembre]
Legatura: N. D.
Dimensioni: 1 fascicolo 41x27,5 cm.
Pagine: pp. 39 (1)
Descrizione: copertina con scritta in nero su fondino bianco e fondo nero con titoli in bianco, numerose fotografie b.n. n.t. Stampa in bianco e nero. Numero pubblicato in occasione della manifestazione nazionale del 12 dicembre 1971 a Milano, a due anni dalla strage di Piazza Fontana.
Bibliografia: N. D.
Prezzo: € 180ORDINA / ORDER
Fra i vari articoli: «Studenti a Milano. Linea di massa, lotta nelle strade»; Nanni Balestrini: «Da "vogliamo tutto!" a "prendiamo tutto!" il percorso politico dell'operaio massa» (testo tratto da una conferenza di Balestrini sul suo libro «Vogliamo tutto!»); inserto speciale: «Potere Operaio e la questione delle fabbriche. Ristrutturazione, crisi e insurrezione. Dalle grandi fabbriche la lotta rivoluzionaria»; «La battaglia di Belfast»; «Materiali per la formazione quadri. Che cos'è il potere operaio».

"Le linee difensive, i fronti democratici non servono ai proletari. Le conquiste operaie di questi anni si difendono solo se il movimento è capace di rilanciare l'offensiva, e di conquistare il terreno della lotta insurrezionale. Nella fase attuale - nella crisi capitalistica - compito di un'organizzazione comunista rivoluzionaria è spingere il movimento verso questo sbocco insurrezionale. L'unico modo proletario di occuparsi degli affari dello Stato è la lotta rivoluzionaria per la conquista del potere politico. L'unico modo rivoluzionario di fare politica è la lotta contro lo Stato" (testo in copertina).