DE SAINT-PONT Valentine
[Anne-Jeanne-Valentine-Marianne Desglans de Cessiat-Vercell] (Lione 1875 - Il Cairo 1953)
Manifesto della Donna futurista. Risposta a F.T. Marinetti
Luogo: Milano
Editore: Direzione del Movimento Futurista
Stampatore: A. Taveggia - S. Margherita - Milano
Anno: 25 marzo 1912 [ma luglio 1912]
Legatura: volantino
Dimensioni: 29x23 cm.
Pagine: pp. 4 n.n.
Descrizione: Quarta edizione del manifesto ma prima edizione in lingua italiana.
Bibliografia: Paolo Tonini, «I manifesti del Futurismo italiano, Gussago, Edizioni dell'Arengario, 2011: pag. 30, n. 42.4
Prezzo: € 800ORDINA / ORDER
All'inaugurazione della mostra «Les peintres futuristes italiens», Bruxelles, Galerie Gorges Giroux, prevista dal 20 maggio al 5 giugno 1912, Valentine de Saint-Pont legge in anteprima il suo «Manifeste de la femme futuriste», pubblicato in volantino in francese dalla Direction du Mouvement Futuriste, poi in tedesco sia sulla rivista DER STURM n. 108 che in volantino a sé stante nel maggio 1912, infine in italiano in un volantino del luglio 1912: "E' assurdo dividere l'umanità in donne e uomini; essa è composta soltanto di femminilità e di mascolinità (...). Un individuo esclusivamente virile non è altro che un bruto; un individuo esclusivamente femminile non è altro che una femmina (...). Ciò che manca di più alle donne come agli uomini è la virilità (...). Donne, per troppo tempo sviate fra le morali e i pregiudizi, ritornate al vostro istinto sublime: alla violenza e alla crudeltà".

La data della pubblicazione nel luglio 1912, diversa da quella di stesura del 25 marzo, si evince dalla nota editoriale posta alla fine, dove si cita la mostra dei pittori futuristi italiani alla Galerie Giroux (maggio 1912) e la conferenza alla Salle Gaveau (27 giugno 1912).