ASTURIAS Miguel Angel
(Città del Guatemala 1899 - Madrid 1974)
Leyendas de Guatemala. Primera edicion
Luogo: Madrid
Editore: Ediciones Oriente [stampa: Imprenta Argis - Madrid]
Stampatore: N. D.
Anno: 1930 (18 aprile)
Legatura: brossura
Dimensioni: 19,4x12,5 cm.
Pagine: pp. 207 (1)
Descrizione: copertina illustrata a colori di Ramon Puyol (Ramon Puyol Roman, Algeciras 1907 - 1981) e 42 disegni n.t. tratti da motivi ornamentali Maya. Libro fondamentale che rivendica la dignità morale e spirituale del popolo indio. Il testo sfugge alla definizione di un genere letterario. Tiratura complessiva di 200 esemplari di cui: 100 "en papel de lujo"; 2 fuori commercio "en papel registro" per l'autore; 35 numerati da 3 al 37 "en papel marfil" e impaginati "alla spagnola" riservati al club Rotario de Guatemala; 63 "en papel a la rústica". Esemplare facente parte dei 63 non numerati. Prima edizione.
Bibliografia: (cfr. Jean-Philippe Barnabé, "Nota filologica preliminar", in Miguel Angel Asturias, "Cuentos y Legendas", Alca XX - Ediciones Unesco, 2000; pag. XXIX).
Prezzo: € 800ORDINA / ORDER
Così lo definisce Paul Valéry / The work is so described by Paul Valéry: "Storie - sogni - poemi dove si confondono bizzarramente credenze, racconti e costumi di tutti i tempi di un popolo composito, tutti i prodotti inebrianti di una terra possente e convulsa" nella quale "sono ancora minacciosi e fecondi, pronti a creare fra i due Oceani, a colpi di catastrofi, nuove combinazioni e nuovi temi di esistenza". Lo stesso Valéry scrive ad Asturias, dopo che questi ha vinto il premio Silla Monsegur come miglior libro latinoamericano pubblicato in Francia: "Non deve rimanere qui. Le assicuro che Lei scrive cose a cui noi europei non pensiamo minimamente. Lei viene da un mondo in formazione, anche Lei è uno scrittore in formazione, il Suo spirito è in effervescenza come la terra, i vulcani, la natura. Lei deve tornare subito laggiù, affinché tutto questo non vada perduto, altrimenti a Parigi rischierà di diventare un semplice imitatore, uno scrittore senza nessuna importanza".

TRANSLATION: ASTURIAS Miguel Angel (Guatemala City 1899 - Madrid 1974), Leyendas de Guatemala. Primera edicion, Madrid, Ediciones Oriente [printer: Imprenta Argis - Madrid], 1930 (18 April); 19.4x12.5 cm., paperback 207 (1) pp. Colour illustration by Ramon Puyol (Ramon Puyol Roman, Algeciras 1907 - 1981) on cover and 42 illustrations inspired from Maya ornamental motifs. Fundamental book, displaying the moral and spiritual dignity of the Indian people. Work difficult to be placed in a specific literary genre. Issue of 200 copies: 100 "en papel de lujo"; 2 "en papel registro", not for sale, for the author; 35 numbered 3-37, "en papel marfil" and "in Spanish style", for the Club Rotario de Guatemala; 63 "en papel a la rústica". One of the unnumbered 63 copies. First edition. [Bibliography: (cfr. Jean-Philippe Barnabé, "Nota filologica preliminar", in Miguel Angel Asturias, "Cuentos y Legendas", Alca XX - Ediciones Unesco, 2000; pag. XXIX)]. € 800 Quotes: The work is so described by Paul Valéry: "Storie - sogni - poemi dove si confondono bizzarramente credenze, racconti e costumi di tutti i tempi di un popolo composito, tutti i prodotti inebrianti di una terra possente e convulsa" nella quale "sono ancora minacciosi e fecondi, pronti a creare fra i due Oceani, a colpi di catastrofi, nuove combinazioni e nuovi temi di esistenza". Lo stesso Valéry scrive ad Asturias, dopo che questi ha vinto il premio Silla Monsegur come miglior libro latinoamericano pubblicato in Francia: "Non deve rimanere qui. Le assicuro che Lei scrive cose a cui noi europei non pensiamo minimamente. Lei viene da un mondo in formazione, anche Lei è uno scrittore in formazione, il Suo spirito è in effervescenza come la terra, i vulcani, la natura. Lei deve tornare subito laggiù, affinché tutto questo non vada perduto, altrimenti a Parigi rischierà di diventare un semplice imitatore, uno scrittore senza nessuna importanza".