PUZZ Controgiornale di sballofumetti
(Milano 1971 - Milano 1976)
La fabbrica della repressione / La fabbrica. Socialismo e barbarie. Numero unico
Luogo: Milano
Editore: Edizioni di Puzz
Stampatore: N. D.
Anno: 1975 (settembre)
Legatura: brossura
Dimensioni: 25x17,5 cm.
Pagine: pp. 56
Descrizione: stampa in ciclostile in bianco, nero e rosso, con varie illustrazioni e fumetti. Pubblicazione situazionista. Edizione originale.
Bibliografia: Attilio Mangano, «Le riviste degli anni Settanta», Bolsena, Massari, 1998: pp. 234-236
Prezzo: € 250ORDINA / ORDER
Opuscolo pubblicato nello stesso anno e nello stesso mese, ma successivamente, a un altro numero unico di Puzz: «Contro la noia, l'ovvio, il sacrificio, il presente».

L'opuscolo è diviso in due parti:
- Parte I: «La fabbrica della repressione», ricostruisce la storia della repressione in Italia a partire dal 25 luglio 1974, elencando i fatti in ordine cronologico. Altri articoli: «Puntualizzazione... lungo le linee di forza...»; «Creatività critica - Controinformazione critica - Critica radicale»; «Autonomia, radicalizzazione, aggregazione informale...».
- Parte II: «La fabbrica. Socialismo e barbarie», è costituita da una storia a fumetti a cui seguono due testi: «Tutte le ore feriscono, l'ultima uccide. Il "suicidio" di Giorgio Cesarano» di J. Camatte e G. Collu, e «A proposito dell'articolo "Estetica e teppismo". I situazionisti davanti all'altare del Dio Nulla di Valerio Riva (...) pubblicato su L'Espresso n. 22, 1 giugno 1975» di Nani Cesrano, Piero Coppo, Joe Fallisi.