DEPERO Fortunato
(Fondo 1892 - Rovereto 1960)
Biennale di Venezia 1954
Luogo: (Rovereto)
Editore: N. D.
Stampatore: N. D.
Anno: 1954
Legatura: 4 fogli redatti al solo recto uniti con graffetta
Dimensioni: 33x22 cm.
Pagine: N. D.
Descrizione: Dattiloscritto originale in cui Depero esprime le sue opinioni riguardo alla sua esclusione dalla Biennale veneziana del 1954, presieduta all'epoca dal Sen. G. Ponti, segretario generale Rodolfo Pallucchini e responsabile dell'archivio Umbro Apollonio. Al retro dell'ultimo foglio è apposta una scritta autografa dell'artista in matita viola: "194- 20 giugno - «Epoca speciale»".
Bibliografia: N. D.
Prezzo: € 200ORDINA / ORDER
Il documento è una testimonianza viva dell'assurda divisione fra "primo" e "secondo" futurismo. Depero resta escluso dal periodo "eroico" artificialmente delimitato fra il 1909 e il 1914, perché la sua opera, come l'artista attesta, si sviluppa propriamente a partire dal 1916.