MAZZONI Angiolo
[Angiolo Mazzoni del Grande] (Bologna 1984 - Roma 1979)
Littoria - Stazione ferroviaria
Luogo: s.l.
Editore: Proprietà Riserv. Fascio Littoria
Stampatore: Edizioni Opera Nazionale Combattenti
Anno: s.d. [1934]
Legatura: cartolina postale
Dimensioni: 10,4x15 cm.
Pagine: N. D.
Descrizione: immagine fotografica in bianco e nero, facciata della stazione ferroviaria di Littoria (oggi Latina). Esemplare viaggiato con bollo e timbro postale in data 17 marzo 1934. Edizione originale.
Bibliografia: N. D.
Prezzo: € 60ORDINA / ORDER
"La realizzazione della stazione di Littoria viene ufficializzata il 19 gennaio del 1929 sulla tratta Campoleone-Formia della direttissima Roma-Napoli inaugurata nel 1922. Prima esisteva solo una ferrovia pedemontana che collegava Velletri a Terracina e aveva una piccola stazione a Sermoneta Scalo utilizzata dal Consorzio di Bonifica per il trasporto dei materiali. La stazione ferroviaria di Littoria Scalo è uno degli interventi della città di fondazione più significativi, opera dell’architetto Angiolo Mazzoni, che qui opererà dal 1932 al 1935, con alcuni interventi successivi" (testo tratto dal sito web del Museo Cambellotti - Latina: «A Latina Scalo: stazione, zuccherificio e Villaggio Cupido»).

"Il 18 ottobre 1932 Mussolini si recò a Littoria (oggi Latina) per inaugurare la nuova stazione. Il viaggio da Roma fu effettuato su una nelle nuove automotrici FIAT, una ALb.48 prototipo. L’evento è brevemente documentato in un filmato Luce. In una articolo celebrativo dell’occasione apparso pare sul Popolo d’Italia, un giornalista celebrò la futuristica automotrice dandole il nome di «Littorina», in virtù della destinazione di quel viaggio. L’articolo piacque molto, si dice, al Senatore Agnelli che adotto il termine per le sue «nuove» automotrici. Il nome divenne popolare, e sopravvisse per decenni alla fine del regime" (informazione tratta dal blog «SCALAENNE - Note Sparse - Treni, Ferrovie e loro modellazione in Scala N»).